salta al contenuto salta alla navigazione delle pagine

Turismo consapevole


Viaggiare Sicuri

I viaggi in aree di crisi, in particolare dove sono in corso scontri armati o violenze, implicano serissimi rischi per la vostra incolumità. Spesso non è possibile intervenire in quelle zone per prestare soccorso in caso di difficoltà. Tenetelo bene a mente prima di partire e ricordate che la responsabilità della vostra sicurezza personale è innanzi tutto vostra.

Il sito http://www.viaggiaresicuri.it mette a disposizione del cittadino informazioni di carattere generale sui Paesi esteri, ivi comprese quelle relative alla situazione di sicurezza. Si tratta di un servizio fornito dal Ministero Affari Esteri e gestito in collaborazione con l'ACI.

Le schede e gli avvisi per i viaggiatori che si recano all'estero sono basati su informazioni ritenute affidabili e disponibili alla data della loro pubblicazione e sono curate dal Ministero degli Affari Esteri e dall'ACI nell'ambito delle rispettive competenze.

Si ritiene opportuno porre in evidenza che le situazioni di sicurezza dei Paesi esteri, nonché le misure normative e amministrative in vigore in tali Paesi, possono rapidamente variare e che, nonostante la massima attenzione nel reperire e verificare le informazioni, i dati sono suscettibili di continue modifiche e aggiornamenti.

I singoli viaggiatori sono ovviamente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio per turismo, lavoro o altri motivi, e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare. Il Ministero degli Affari Esteri ed ACI non possono in nessun modo essere ritenuti responsabili per danni a persone o cose che possano derivare direttamente o indirettamente da informazioni pubblicate sul sito.

Le informazioni contenute nel sito si possono acquisire anche attraverso la Centrale Operativa Telefonica, attiva tutti i giorni (con servizio vocale nell'orario notturno):

dall'Italia 06-491115
dall'Estero +39-06-491115


Per favorire un efficace monitoraggio delle presenze in aree a rischio, si invitano i connazionali a registrare il proprio nominativo e gli estremi della permanenza sul sito www.dovesiamonelmondo.it.


Il Fondo di garanzia

Il Fondo Nazionale di Garanzia, disciplinato dall’art. 51 del Decreto Legislativo 23 maggio 2011, n. 79, interviene in caso di insolvenza o fallimento del venditore o dell’organizzatore di pacchetti turistici.

Esso provvede al rimborso del prezzo versato, al rimpatrio del consumatore in caso di viaggi all’estero e a fornire immediata disponibilità economica in caso di rientro forzato di turisti da Paesi extracomunitari in occasione di emergenze imputabili o meno al comportamento dell’organizzatore, ad eccezione delle situazioni di rischio dell’incolumità personale dei turisti (alluvioni, terremoti, insurrezioni) per le quali interviene il Ministero degli Affari Esteri.

Il Fondo interviene esclusivamente per i pacchetti turistici venduti con contratti stipulati da un’agenzia legalmente operante in Italia ai sensi della normativa vigente.

E’ bene sapere che l’organizzatore e il venditore devono essere assicurati per la responsabilità civile verso il consumatore, per il risarcimento dei danni causati dall’inadempimento o dall’inesatta esecuzione delle prestazioni che formano oggetto del pacchetto turistico. E’ possibile inoltre sottoscrivere polizze assicurative di assistenza al turista. Prima di partire per un viaggio o una vacanza è quindi sempre bene verificare sulla banca dati Infotrav se l’agenzia di viaggio cui ci si rivolge sia legalmente operante.

Il Fondo non interviene invece quando il viaggio sia stato organizzato autonomamente dal turista e laddove venga richiesto risarcimento per danni da vacanza rovinata o altri eventuali danni morali, nonché quando  l’istanza di rimborso riguardi contratti diversi da quelli aventi ad oggetto l’acquisizione di un pacchetto turistico, quali ad esempio i contratti per l’acquisto dei punti freepoints, solo volo, etc.

Per maggiori informazioni consultare la pagine informative della Direzione generale Turismo del MIBACT.
Fondo nazionale di garanzia

torna al menù torna al menù